Stemma della bibliotecaBiblioteche Comunali Treviso

Quadrato blu e rosso Catalogo
on-line
Quadrato verde Catalogo
ragazzi
tvb.bibliotechetrevigiane.it
Portale Regionale
Pentagono con spicchi colorati in blu, rosso, verde, arancio, giallo News
quadrato colorato che rappresenta la biblioteca di borgo Cavour
quadrato colorato che rappresenta la sede di Città giardino
quadrato colorato che rappresenta la biblioteca dei ragazzi
quadrato colorato che rappresenta la sede di San Liberale
quadrato colorato che rappresenta la sede di Sant'Antonino
Home Notizie Gruppo di lettura, incontro di martedì 25 ottobre
Main Menu
Home
FAQ
Notizie
Proposte per le scuole superiori a.s. 2019/2020
Informazioni
Servizi
Patto per la lettura
Patto per la lettura - Attività
Collezioni
Pubblicazioni della Biblioteca
Altre biblioteche a Treviso

Gruppo di lettura, incontro di martedì 25 ottobre  

  Un Gruppo di Lettura (GdL) è formato da persone che leggono in privato un libro scelto in comune e si incontrano regolarmente in un luogo per esprimere le proprie opinioni su quel libro in un clima piacevole ed informale.
  In Biblioteca da più di cinque anni il Gruppo di Lettura "Legenda" si incontra per condividere il piacere della lettura in un'ottica di scambio ed arricchimento.
  Gli appuntamenti si svolgono da settembre a giugno, una volta al mese, di martedì dalle 18.00 alle 19.30.
  La partecipazione è libera, gratuita ed aperta a tutti.



Il prossimo appuntamento con il Gruppo di Lettura "Legenda" è fissato per martedì 25 ottobre 2022 h. 18.00-19.30

INCONTRO IN PRESENZA. Tema: “Padri e figli… generazioni a confronto”

Il libro scelto è:

Il mio nome è Asher Lev di Chaim Potok

Marc Chagall era un pittore ebreo. Lo erano anche Chäim Soutine e Max Liebermann. Così come il nostro Modigliani. E’ pur vero che di pittori ebrei, nella storia della grande arte, ce ne sono pochi. Il problema è che per lo più gli ebrei osservanti ritengono l’arte solo un mero diletto o un blando passatempo. La stessa identica opinione che ha Aryeh Lev, il padre di Asher Lev. Per questo padre è complicato avere a che fare con un figlio, l’unico figlio, portatore di un talento inusuale come quello del disegno. Perché per Asher Lev disegnare è come respirare. Gli viene naturale e gli è necessario. Non sa farne a meno. Sa parlare più e meglio attraverso i suoi disegni che con le parole. Coi disegni racconta il dolore lacerante di sua madre, i silenzi vorticosi che vive e vede, spiega certa solitudine e raccoglie sogni che non saprebbe spiegare altrimenti. Asher possiede un talento eccezionale, un incanto che dallo sguardo passa attraverso le dita e dalle dita ad una matita e da una matita sul foglio da disegno. Ritrae ciò che vede e ne ricava consolazione, pensiero e spesso tormento.
Chaim Potok mette in piedi un eccellente romanzo di formazione. Una storia che ruota soprattutto a temi di inconciliabilità, crescita e conflitto. Perché quando gli stessi genitori comprendono che Asher farà dell’arte la sua ragione d’esistere, fanno fatica a capire e ad accettare. Un uomo troppo spesso in missione in Europa per il Rebbe è un padre fin troppo assente. Il suo lavoro è fondamentale per la nascita di comunità ladover in un continente in cui, dopo la seconda guerra mondiale, gli ebrei sono privi di una guida e privi di certezze. Asher, dalla sua casa di Brooklyn, capisce la rilevanza del compito affidato a suo padre ma ne patisce comunque la lontananza. Sua madre, come tutte le madri, percepisce il disagio di Asher e comprende la forza autentica del suo talento più di quanto non riesca a fare Aryeh il quale, al contrario, teme che il “dono” di suo figlio sia solo una delle tante pericolose espressioni di corruzione e depravazione proveniente dall’Altra Parte, ossia dal regno del Male. Ed è solo grazie alla saggezza del vecchio Rebbe, capo della comunità ebraica di cui Asher fa parte, che il pittore in erba riesce a trovare la possibilità di individuare il suo percorso di maturazione personale ed artistica. Un cammino che lo avvicina alla grande pittura ma che lo allontana sempre di più dall’idea di rettitudine morale ebraica che suo padre vorrebbe che lui rispettasse. D’altro canto comprendere la pittura dei grandi artisti, emularne i temi, recuperarne la perfezione e studiarne le tecniche e le espressioni implica, per Asher, il contatto con immagini, storie e soggetti che la religione ebraica considera peccaminosi: blasfemia allo stato puro.
Eppure Asher non pensa di essere blasfemo quando dipinge un nudo di donna, non rinnega il suo Dio quando osserva e studia la Cappella Sistina, non pensa di venir meno alle leggi della sua religione quando rimane ad occhi spalancati di fronte all’immagine di un Cristo morto. Perché Asher è e rimane un ebreo osservante. Un ebreo osservante che diviene anche un ottimo artista. La cultura tradizionale ebraica osteggia tutto quello che deriva dalla rappresentazione figurativa ma Asher sa che il suo talento non può essere disgiunto dalla volontà suprema ed incontrovertibile del Ribbono Shel Olom.
“Il mio nome è Asher Lev” non fa che confermare il fatto che Chaim Potok sia uno scrittore eccellente, capace di trasferire nei suoi libri tematiche umane, sociali e spirituali di estremo interesse.

Ultimi libri letti:


Finitudine di Telmo Pievani
Quando le montagne cantano di Phan Que Mai Nguyen
La bastarda di Istanbul di Elif Şafak
"Niente di vero" di Veronica Raimo
"Mia madre è un fiume" di Donatella Di Pietrantonio
Mese del teatro. Omaggio a Vitaliano Trevisan: Il lavoro rende liberi, 2005; Oscillazioni, 2006; Tre drammi brevi, 2008; Due monologhi, 2009; Una notte in Tunisia, 2011; Il delirio del particolare. Ein Kammerspiel, 2020
Yasmina Reza: Anne-Marie-La beltà
In occasione del mese della poesia (marzo): Livia Candiani, Fatti vivo; Livia Candiani, Vista dalla luna; Piero Carrer, L’uomo al volante; Lorena Turri, testi a piacere; Giorgio Caproni, Il seme del piangere; Giuseppe Ungaretti, Il porto sepolto (1922). Un libro inedito
L'eterna gioventù di Maurizio Maggiani
La strada di Cormac McCarthy
Padri e figli di Ivan Sergeevič Turgenev
L'ultima estate in città di Gianfranco Calligarich
Due vite di Emanuele Trevi
Seni e uova di Mieko Kawakami
Il signore delle mosche di William Golding
Il cardellino di Donna Tartt
Le menzogne della notte di Gesualdo Bufalino
Pietro e Paolo di Marcello Fois
Q di Luther Blissett
Storie di gente felice di Lars Gustafsson
Qui e ora di Ronald D. Siegel
Svegliare i Leoni di Gundar Goshen-Ayelet
Nomadland di Jessica Bruder
Il serpente di Stig Dagerman
Poesie di Andrea Zanzotto
L'ultimo viaggio di Sindbad di Erri De Luca
Il rinoceronte di Eugène Ionesco
Il sale della terra di Jeanine Cummins
Americanah di Chimamanda Ngozi Adichie
Lettere di una novizia di Guido Piovene
Quel tipo di donna di Valeria Parrella
Le mie poesie più belle di Nizar Qabbani
Parole armate di Valeria P. Babini
Il sogno di Jakov di Ludmila Ulitskaya
Cambiare l'acqua ai fiori di Valérie Perrin
Poesie a scelta libera in occasione del mese della poesia (marzo)
La signora Dalloway (in audiolibro) di Virginia Woolf
Il gioco dei regni (in audiolibro) di Clara Sereni
Tutto il teatro di Natalia Ginzburg.
Una storia russa di Ljudmila Evgenʹevna Ulickaja
Una donna di Annie Ernaux
La questione più che altro di Ginevra Lamberti
La straniera di Claudia Durastanti
Patria di Fernando Aramburu
Il mulino del Po di Riccardo Bacchelli
La città interiore di Mauro Covacich
Le confessioni di un Italiano di Ippolito Nievo
Lezioni di felicità di Ilaria Gaspari
Le particelle elementari di Michel Houellebecq
Le città invisibili di Italo Calvino
Il tunnel di Abraham B. Yehoshua
I poeti: Giovanna Cristina Vivinetto, Tiziano Scarpa, Laura Chiarina, Federico Garcia Lorca, Jorge Luis Borges, Osip Ėmil'evič Mandel'štam, Iosif Aleksandrovič Brodskij
Microcosmi di Claudio Magris
Gente di Dublino di James Joyce
La vita delle ragazze e delle donne di Alice Munro
L'ambasciata di Cambogia di Zadie Smith
Canto della pianura di Kent Haruf
Il museo dell'innocenza di Orhan Pamuk
Istanbul di Orhan Pamuk
Da soli di Cristina Comencini
L'animale femmina di Emanuela Canepa
Le vite potenziali di Francesco Targhetta
L'illusione di Dio di Richard Dawkins
La democrazia del narcisismo di Giovanni Orsina
Charlotte Brontë: Una vita appassionata di Lyndall Gordon
Il coraggio di essere liberi di Vito Mancuso
Il silenzo delle pietre di Vittorino Andreoli
Tre camere a Manhattan di Georges Simenon
Fiori sopra l'inferno di Ilaria Tuti
La leggenda dei monti naviganti e Trans Europa Express di Paolo Rumiz
Poesie di Catullo e di Giorgio Caproni
Piccoli suicidi tra amici di Arto Paasilinna
L'anno dei dodici inverni di Tullio Avoledo
Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar
Ricorda con rabbia di John Osborne
L'amore che mi resta di Michela Marzano
Una stanza tutta per sé di Virginia Woolf
Trilobiti di Breece D'J Pancake
Autori veneti o libri sul Veneto
Scarpe italiane di Henning Mankell
Vicolo del mortaio di Nagib Mahfuz
Poesie di Séamus Heaney
Papalagi discorsi del capo Tuiavii di Tiavea delle Isole Samoa
Respiro di Tim Winton
I pescatori di Chigozie Obioma
Il peso dei segreti di Aki Shimazaki
Ombre nell'ombra di Paco Ignacio Taibo II
Aspettando Godot di Samuel Beckett
Opinioni di un clown di Heinrich Böll
Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani
Bartleby, lo scrivano di Herman Melville
Poesie di Wisława Szymborska
Cronache marziane di Ray Bradbury
Chi ti credi di essere di Alice Munro
Se una notte d'inverno un viaggiatore di Italo Calvino
Il buio oltre la siepe di Harper Lee
La madre di Grazia Deledda
La masseria delle allodole di Antonia Arslan
Sconosciute di Patrick Modiano
Il piccolo libraio di Archangelsk di Georges Simenon
Poesie di Alda Merini, Maria Luisa Spaziani e Antonia Pozzi


Ultimo aggiornamento 29 / 09 / 2022

Biblioteca di Borgo Cavour  0422 545342 / fax 0422 583066 info@bibliotecatreviso.it

Biblioteca di Città Giardino 'A. Zanzotto' 0422 410840 / fax 0422 549443 info@bibliotecatreviso.it

Biblioteca Ragazzi 'E. Demattè'  0422 658993  brat@bibliotecatreviso.it

Privacy | Dichiarazione di accessibilità